Gazzetta del Mediterraneo

Pachino Calcio, non basta un gol capolavoro di Ciccio Mallia

 Breaking News
Pachino Calcio, non basta un gol capolavoro di Ciccio Mallia
19 novembre
10:48 2018

Una rete da antologia, in rovesciata su cross dalla destra, contro il Motta che la spunta nel finale. Il bomber pachinese si conferma attaccante dall’eccellente fiuto del gol.

Un traversone dalla destra, teso al punto giusto. Un difensore avversario sfiora la palla e Mallia d’istinto realizza una magia in rovesciata aerea che lascia di stucco il portiere, gonfiando la rete avversaria. Un gol da cineteca, segnato a porte chiuse perché nella sgangherata provincia di Siracusa gli impianti sono da “Io speriamo che me la cavo”. E’ già tanto che vi si possano disputare partite dei campionati di prima o seconda categoria. L’autore della prodezza non si esalta nel raccontare il suo capolavoro.

“Ho visto il cross, – afferma Ciccio Mallia – volevo stoppare il pallone e calciare ma la deviazione di un difensore mi ha fatto cambiare idea in una frazione di secondo. Così ho provato la rovesciata. Mi sono accorto di aver fatto gol dall’esultanza dei miei compagni”. Come ha affermato Antonio Giuliano, ex giocatore del Pachino negli anni 80, “una prodezza come quella di Mallia, realizzata in un campo di serie A o B, l’avrebbero fatta vedere per giorni e giorni”. L’attaccante del Pachino il gol ce l’ha nel sangue, da rapace d’area di rigore. Resta l’amaro in bocca per la sconfitta finale (3-2) che costringe il Pachino, guidato da Franco Spatola, a segnare il passo e rimanere nelle retrovie della classifica del girone E della seconda categoria siciliana.

“Purtroppo, paghiamo a caro prezzo alcuni nostri errori e anche le sviste arbitrali. – aggiunge Ciccio Mallia – Non è bastato andare due volte in vantaggio. Ieri, oltretutto, c’erano almeno tre rigori nitidi a nostro favore ma il direttore di gara ha sempre sorvolato. Non è possibile. In trasferta e in casa veniamo sempre penalizzati dagli arbitri”. La squadra ha sviluppato un gioco apprezzabile. Pregevole l’assist di Lorenzo Novello che in avvio ha mandato in rete Enrico Tropiano, alla sua ultima presenza con la maglia del Pachino. Il perché lo spiega il tecnico Spatola. “Enrico si trasferisce in Germania per lavoro, ci dispiace non averlo a disposizione. In questa prima parte di stagione è stato tra i migliori”, sottolinea Spatola.

Negli spogliatoi non sono mancati attimi di commozione al momento del saluto ai compagni di squadra. L’allenatore del Pachino analizza il momento attuale. “Ci mancano almeno quattro punti. La seconda categoria è un inferno tuttavia dobbiamo essere ancora più determinati. Abbiamo il tempo per recuperare, la classifica del girone è corta”. Buoni segnali arrivano dal giovane Antonio Nicastro, autore di una buona prestazione. “Adesso avremo tre partite in trasferta, – conclude Spatola – dimentichiamo in fretta la sconfitta immeritata di domenica e pensiamo ai prossimi impegni”.

Sergio Taccone

Tu cosa ne pensi? Lascia commento

Tags

Leggi anche :

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti per adesso, vuoi scrivere un commento?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua email non verrà pubblicata.
I campi contrassegnati sono richiesti *

Netpcsolution di Adriano Giallongo siti internet e web marketing