Gazzetta del Mediterraneo

Contadini di bianco vestiti… Nella Patria del ciliegino gli agricoltori combattono il virus

Contadini di bianco vestiti… Nella Patria del ciliegino gli agricoltori combattono il virus
19 marzo
14:45 2020

Ristrettezze economiche per il Comune, a scendere per strada e sanificare la città ci pensa il comparto agricolo a proprie spese.

di Turi Moncada.  Nessuna divisa solo tute bianche, niente fucili ma lance a spruzzo, per le strade non si ode il cigolare dei  carri armati ma il suono rombante di trattori e dei loro motori.  A Pachino, nella Patria del pomodoro ciliegino  Il comparto agricolo  dichiara guerra al terribile nemico invisibile, il covid19. E lo fa scendendo in campo, in un momento così drammatico,  sanificando l’intero territorio comunale, palmo a palmo. E lo fa pure a proprie spese e con mezzi privati visto che  il Comune  è senza il becco di un quattrino.  Una trentina tra trattori, furgoni e mezzi agricoli  sono scesi in strada battendo l’intero circondario dalla borgata di Marzamemi fino alla periferia sud della città nei pressi del mercato ortofrutticolo, oltre un centinaio le persone impegnate a spargere il liquido disinfettante.  

Agricoltori 4

Si diceva del Comune che vive ormai da tempo una atavica condizione di ristrettezza di cassa. Niente soldi insomma. Ma la sanificazione andava  fatta. Così in breve tempo  da un giro di chiamate per verificare la disponibilità degli agricoltori, ottenuta nell’immediato l’autorizzazione degli uffici, si è passati all’organizzazione logistica  e alla sanificazione vera e propria del territorio. A fornire il prodotto sanificante sono stati due grandi gruppi pachinesi che operano ormai da anni nel settore vivaistico: Raggio Verde di Franco Ristuccia e Area Verde con Peppe Borgh. Contadini ed agricoltori hanno fatto il resto, caricando le cisterne  e marciando compatti.

agricoltori 1

Una carica di tute bianche. Osservando la loro avanzata dagli spioncini e da dietro le finestre, qualcuno ha applaudito. Un gesto banale fino ieri, oggi  però liberatorio, esorcizzante dell’angoscia e delle paure di un momento così drammatico.  Cortili, strade, portici, piazze. L’esercito di agricoltori in bianco, indossando quella divisa fatta di mascherine e tute, avanzava spargendo il disinfettante e salutando con la mano, rassicurando un po’. Piccoli gesti ma molto apprezzati in un momento come questo.

agricoltori 3

Quando questa cupa notte finirà, perché nessuna notte è eterna, ricordiamoci di loro. Magari acquistando prodotti nostrani, i così detti chilometro zero.  Non tutto ciò che viene affrontato può essere cambiato ma niente può essere cambiato se non viene affrontato. Quantomeno, a cambiare la situazione, ci stanno provando. Gli agricoltori un giorno salveranno e conquisteranno il Mondo, qualcuno crede che sia così. Beh non possiamo saperlo. Forse, chi lo sa. Intanto di certo hanno conquistato e rafforzato, se ancora ce ne fosse bisogno, la stima che nutriamo verso di loro.

Tu cosa ne pensi? Lascia commento

Tags

Leggi anche :

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti per adesso, vuoi scrivere un commento?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

<

Netpcsolution di Adriano Giallongo siti internet e web marketing