Gazzetta del Mediterraneo

Disegno di legge sull’acqua pubblica all’Ars manca il numero legale, Vinciullo e Di Marco “Forze occulte ostili ostacolano il ddl”

Disegno di legge sull’acqua pubblica all’Ars manca il numero legale, Vinciullo e Di Marco “Forze occulte ostili ostacolano il ddl”
30 aprile
23:01 2014

Palermo – Dal 23 Aprile ad oggi ma viene a mancare il numero legale per il voto sul disegno di legge Vinciullo-Di Marco sull’acqua pubblica. Uno degli spiragli di luce per i comuni “non ribelli” per vedersi riconsegnati gli impianti del servizio idrico, è stato oscurato dall’Ars che non si è espressa sul disegno di legge n. 693. E’ amaro lo sfogo di coloro che hanno presentato il ddl: <<Ancora una volta l’Assemblea Regionale Siciliana – dicono Vinciullo e Di Marco – non approva  il Disegno di Legge che riconsegna ai 10 comuni della provincia di Siracusa l’acqua che è un bene pubblico che non appartiene ai privati. Qualsiasi ulteriore commento, è superfluo! E’ evidente che ci troviamo di fronte a forze occulte ostili o ad evidenti ostacoli frapposti dal “destino” che non vogliono e non permettono che l’acqua ritorni pubblica in provincia di Siracusa. Nonostante la presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, ieri sera retta dal Vicario Venturino, non ci ha, certamente, aiutati con la conduzione dell’Aula, continuiamo la nostra lotta e chiediamo ai cittadini tutti di unirsi alla nostra battaglia affinché si impedisca un ulteriore scippo a danno della comunità siracusana”.

Tu cosa ne pensi? Lascia commento

Leggi anche :

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti per adesso, vuoi scrivere un commento?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

<

Netpcsolution di Adriano Giallongo siti internet e web marketing